Web News

Cresce l’azzardo in Italia: mobile e realtà virtuale guidano l’espansione dell’online

gambling online

Numeri in crescita e prospettive rosee per il futuro grazie soprattutto alle possibilità offerte dallo sviluppo del settore mobile e delle tecnologie per la realtà aumentata: l’industria del gioco continua a macinare risultati molto positivi in Italia, trainata proprio dallo sviluppo dell’offerta online, sempre più ricca, variegata e capace di adattarsi rapidamente ai nuovi trend del gaming.

Gambling e realtà aumentata: il futuro dell’azzardo online?

Gli appassionati di gambling diventano sempre più esigenti e per gestori di casinò online e software house che curano lo sviluppo dei giochi la sfida cresce di giorno in giorno: l’obiettivo dichiarato è quello di un’offerta sempre più ricca e variegata, capace di offrire una user experience davvero a tutto tondo.

Non è dunque un caso che il mondo del gioco online guardi con crescente interesse alle tecnologie per la realtà aumentata, quali visori 3D e software appositamente creati per dar vita ad un’esperienza di gioco sempre più vivida.

Uno studio prodotto da Juniper Research (“Mobile & Online Gambling: Casinos, Lotteries, Betting & VR 2016-2021) si spingeva oltre, ipotizzando una stima della crescita prevista per la raccolta generata dai giochi di fortuna in versione VR (ovvero Virtual Reality). Stando alla ricerca, questo particolare comparto del gioco d’azzardo online sarebbe destinato ad una crescita pari addirittura all’800% nei prossimi anni, con un passaggio dai circa 58 milioni di dollari attualmente raccolti dal gambling VR all’oltre mezzo miliardo di dollari previsto per il 2021.

Realtà virtuale, gioco online ed app: una formula già di successo

Chiaramente, dietro alla scelta di investire in questa direzione c’è soprattutto la necessità di venire incontro ai gusti delle nuove generazioni di giocatori, ormai abituati ad un’esperienza di gioco sempre più immersiva e ritagliata su misura.

Un esempio molto interessante, e già proposto al grande pubblico dai big player del settore, è quello delle app dedicate ai casinò live in formula VR: in sostanza, questa soluzione unisce la già affermata formula del gioco dal vivo – ovvero in collegamento video streaming da sale casinò reali con veri croupier – alle possibilità offerte dai visori per la realtà aumentata. Il risultato? Il giocatore, una volta attivata l’app e indossato il visore VR collegato allo smartphone o al tablet, vive da protagonista l’emozione di sedersi al tavolo verde della roulette, faccia a faccia con il dealer incaricato di condurre il gioco.

L’illusione di trovarsi all’interno di un vero casinò diventa così completa: senza muoversi da casa, il giocatore si ritrova catapultato tra le atmosfere di una vera sala da gioco, con l’ulteriore possibilità di interagire con il croupier tramite chat.

Chiaramente, l’evoluzione del gambling online in questa direzione espone a sfide importanti, tra cui naturalmente quelle relativa all’equità dei giochi: i giochi in formula live, chiaramente, devono offrire le stesse identiche garanzie di equità di quelli tradizionali, garantendo a tutti i giocatori le stesse chance di vittoria.

Lo stato dell’arte dell’azzardo in Italia

Un’industria sorprendentemente all’avanguardia e pronta a sostenere investimenti ingenti per rinnovare la propria offerta: quello del gioco, a ben vedere, è uno dei comparti dell’economia nazionale più in salute e non sorprende che la spinta all’innovazione e all’ottimizzazione delle risorse offerte dalle nuove tecnologie sia tanto forte.

Gli ultimi dati ufficiali disponibili, quelli relativi al 2017 riportati all’interno del Libro Blu dell’ADM (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli), indicavano una raccolta complessiva per scommesse e casinò game (tradizionali ed online) pari a 101,8 miliardi di euro. Scendendo più nel dettaglio, la spesa reale degli italiani nel gioco risultava pari a circa 18,9 miliardi di euro, al netto dei quasi 83 miliardi ridistribuiti attraverso le vincite. Importante anche le somme confluite nelle casse dell’erario: nel 2017 lo stato incassava ben 10,3 miliardi di euro attraverso la tassazione del gioco.

I primi numeri ufficiali relativi allo scorso anno, poi, sembrerebbero confermare il trend più che positivo vissuto dal settore dell’azzardo: nei primi tre mesi del 2018, la raccolta sarebbe risulta in aumento del 33% in confronto allo stesso periodo del 2017.

Se le scommesse sportive e altre forme di gioco tradizionali resistono egregiamente al test del tempo, come già sottolineato è l’online a rappresentare la vera locomotiva dell’industria dell’azzardo. La raccolta generata dai casinò online nel 2017 era giunta a sfiorare i 27 miliardi di euro, con una crescita rispetto all’annata precedente del 26% e, addirittura, del 59% rispetto al 2015.

Le ragioni di un successo inarrestabile

Quali sono gli ingredienti alla base di questo successo? Un primo importante elemento è rappresentato dalle garanzie di sicurezza e dalle tante forme di tutela offerte ai giocatori. I casinò online regolari, ovvero autorizzati dall’ADM, devono superare una lunga serie di verifiche prima di ottenere la concessione necessaria per operare nella legalità. Tra gli altri elementi valutati dai cosiddetti EVA (gli Enti di Verifica Accreditati individuati dall’ADM) rientrano ad esempio la sicurezza dei portali, sia dal punto di vista della protezione dei dati personali degli iscritti che della resistenza ai tentativi di manipolazione dall’esterno, ed il ricorso ad una strategia di comunicazione rispettosa degli utenti ed improntata al gioco responsabile.

Sicurezza, certo, ma anche interfacce di gioco sempre più semplici ed intuitive, pensate per rendere immediato l’accesso anche da parte degli utenti meno skillati, e soprattutto un’offerta in costante espansione (basta un’occhiata ad un qualunque catalogo di slot machine online per rendersi conto della sorprendente vastità delle opzioni disponibili).

Ruolo di punta, poi, quello rivestito dallo sviluppo dell’offerta mobile: le app dedicate a scommesse e giochi da casinò hanno semplificato ulteriormente l’accesso al gioco, rendendolo questione di pochi, semplici tap sullo schermo dello smartphone o del tablet.

In ultimo, va sottolineato anche l’impegno di ADM e gestori nella promozione del gioco responsabile, sia attraverso la scelta di una comunicazione chiara e trasparente, che con la messa a punto di strumenti utili per limitare le possibilità di spesa (trattasi, nello specifico, dei cosiddetti sistemi di autolimitazione).