Ricerca

La pennichella pomeridiana preserva il funzionamento del cuore

pennichella pomeridiana

Alcuni recenti studi hanno evidenziato come nei paesi in cui la siesta pomeridiana è una abitudine, tipicamente paesi mediterranei e parte dell’America Latina, il tasso di mortalità per problemi dovuto al cuore sia nettamente minore rispetto alle regioni in cui le abitudini di vita vietano il riposino pomeridiano.

Androniki Naska dell’Università di Atene, insieme ad una cerchia di collaboratori, hanno esaminato 23.681 individui ellenici (uomini e donne) con età compresa tra i 20 e gli 86 anni di sana e robusta costituzione. Ogni partecipante ha segnalato se era abitudinario alla pennichella pomeridiana e, se si, con quale frequenza e durata. Inoltre agli stessi è stato chiesto di indicare le proprie abitudini alimentari e livello di attività fisica. Il monitoraggio, durato circa 6 anni, ha evidenziato tali dati: 792 partecipanti al testi sono morti, 133 dei quali per problemi legati al cuore. Coloro che avevano dichiarato di essere abitudinari alla siesta con una certa frequenza e durata, hanno riscontrato il 34% in meno di possibilità di morte dovuta a problemi cardiaci. Le persone che hanno dichiarato di riposare almeno 30 minuti pomeridiani per almeno 3 volte alla settimana hanno avuto un meno 37% di probabilità.

Un altro studio, dimostra come la pennichella pomeridiana aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

Comments (1)

  1. Tómese una respiro de la siesta

Comments are closed.