Scoperte scientifiche

Produrre, in una nanosecondo, ghiaccio più caldo dell’acqua in ebollizione!

Presso il Sandia National Laboratories alcuni scienziati sono riusciti, tramite la Z Machine, capace di generare temperature vicine a quelle del Sole, a trasformare la comune acqua in ghiaccio in un tempo che si aggira intorno ai nanosecondi; la cosa più stupefacente, però, è che il ghiaccio così generato risulta essere più caldo dell’acqua in ebollizione. Il ricercatore Daniel Dolan, facente parte del gruppo che ha portato a termine l’esperimento, ha sottolineato come, generalmente, siamo abituati a conoscere solo alcune delle diverse fasi dei trasformazione dell’acqua: la trasformazione in ghiaccio, l’evaporazione e lo stato naturale. Tuttavia, pochi sanno che comprimendo l’acqua in maniere estrema, si parla di circa 70.000 atmosfere, questa passa naturalmente allo stato solido sotto forma di ghiaccio; esisterebbero, a seconda delle pressioni e delle temperature esercitate, ben 11 diversi tipi di classificazione del ghiaccio. La formazione del ghiaccio è qualcosa di anomalo, infatti a differenza di restringere il volume durante la sua formazione, cosa che normalmente accade sottoponendo un oggetto a temperature rigide, esso tende ad espandersi, è il classico esperimento dell’acqua in una bottiglia che ghiacciandosi aumenta di volume. L’esperimento svoltosi al Sandia ha sovvertito questo processo naturale portando ad un restringimento del volume del ghiaccio rispetto all’acqua. http://www.sandia.gov/news/resources/releases/2007/z-ice.html

Comment here