Scoperte scientifiche

In futuro l’iPod si potrà ricaricare con acqua e zucchero!

Una ricercatrice della St. Louis University, Shelley Minteer, ha sviluppato una cella combustile in grado di ricavare energia elettrica da fonti di zucchero. L’incredibile sta anche nel fatto che una batteria siffatta offre una durata quadrupla rispetto alle classiche batterie agli ioni di litio e risulta, di fatto, biodegradabile. Il segreto risiede in un particolare enzima integrato in membrane composte da chitosano, un derivato della chitina, ovvero un composto di origine naturale ottenibile dal guscio dei granchi e dei crostacei. Shelley Minteer e alcuni ricercatori hanno sviluppato una batteria prototipo, grande appena quanto un francobollo, in grado di far funzionare una piccola calcolatrice tascabile. Secondo i ricercatori, entro tre, cinque anni si potranno trovare in commercio le prime batterie capaci di sfruttare questa nuova tipologia di combustibile. Le prove finora effettuate sono state compiute provando a generare energia partendo da diverse sostanze zuccherine, soda e preparati di bevande dolciastre d’uso comune, tuttavia la migliore resa è stata data da del semplice zucchero disciolto in acqua.

Comment here