Cosmo

Su Marte esisteva un oceano di acqua grande quanto il nostro Artico

Un oceano primitivo su Marte che conteneva più acqua del nostro Oceano Artico, questa è la scoperta pubblicata sulla rivista Science da un team internazionale di scienziati che utilizzando il Very Large Telescope di ESO, insieme a strumenti presso il W. M. Keck Observatory e la NASA Infrared Telescope Facility, hanno monitorato l’atmosfera del pianeta e delineato le proprietà dell’acqua in diverse su parti durante un periodo di sei anni.  Nella foto di apertura (NASA/GSFC) una raffigurazione dell’area inerente l’oceano su Marte che probabilmente era presente sul pianeta circa 4 miliardi di anni fa.
Marte, circa 4 miliardi di anni fa, avrebbe avuto acqua sufficiente a coprire tutta la sua superficie con uno strato di circa 140 metri di profondità, anche se molto più probabile l’acqua era concentrata in un un oceano che occupa quasi la metà dell’emisfero settentrionale del pianeta rosso, raggiungendo profondità maggiore di 1,6 chilometri.

“Il nostro studio fornisce una solida stima di quanta acqua c’era una volta su Marte, determinando quanta acqua è evaporata nello spazio. Con questo lavoro, possiamo capire meglio la storia dell’acqua su Marte” ha spiegato Geronimo Villanueva, scienziato del NASA Goddard Space Flight Center e autore principale dello studio.

La nuova stima è basata sulle osservazioni dettagliate delle due forme leggermente diverse di acqua presenti nell’atmosfera di Marte. La prima forma in questione è quella classica dell’acqua, composta da due atomi di idrogeno e uno di ossigeno (H2O); l’altra forma è invece quella conosciuta come acqua semi-pesante (HDO) in cui un atomo di idrogeno atomo è sostituito dal deuterio. Quest’ultima forma di acqua è più difficile da evaporare, così, maggiore sarà la perdita di acqua dal pianeta, maggiore sarà il rapporto tra HDO di H2O nell’acqua che rimane. I ricercatori, confrontando il rapporto di HDO a H2O, hanno così  determinato quanta acqua è evaporata nello spazio e quindi stimato l’ammontare del prezioso liquido un tempo presente sul pianeta.

“Con Marte che evaporava molta acqua, il pianeta è probabilmente stato molto umido per un lungo periodo di tempo, suggerendo che avrebbe potuto essere abitabile” ha riferito Michael Mumma, scienziato presso il Goddard e secondo autore dello studio. Fonte e approfondimenti

Comment here