CosmoHi-Tech

La foto del buco nero che potrebbe cambiare tutto ciò che sappiamo sull’universo

buco nero

I buchi neri sono alcuni degli oggetti più intriganti e misteriosi dell’universo, eppure non siamo mai riusciti a osservare le sembianze di un siffatto oggetto cosmico, almeno fino ad oggi alle ore 15. I buchi neri si formano quando le stelle cessano di vivere, collassando su se stesse e dando vita a un’area in cui la forza di gravità è così forte che nessun altro elemento cosmico, compresa la luce, può sfuggire rimanendo intrappolata.
Sarà a brevissimo divulgata la prima foto di Sagittario A* (4 milioni volte più grande del nostro sole e distante 25mila anni luce dalla Terra), il buco nero al centro della nostra galassia. Si tratta di un momento topico per la scienza, reso possibile dall’Event Horizon Telescope (EHT). La ripresa del buco nero è frutto della potenza del sistema EHT, una serie di radiotelescopi sparsi su diversi lati del globo terrestre (Cile, Hawaii, Arizona, Messico, Spagna e Polo Sud) tutti sincronizzati in modo preciso per raccogliere diversi petabyte di dati rielaborati e combinati grazie all’impiego di super computer.

L’immagine che potremmo osservare tra qualche ora è frutto dei dati raccolti nel 2017, rielaborati solo oggi grazie all’impiego di tecnologia moderne che ci hanno concesso di elaborare enormi quantità di dati. Ogni posizione EHT memorizzava i suoi dati di osservazione su un disco rigido che doveva essere fisicamente trasportato in un centro di elaborazione dati e combinato con i dati degli altri osservatori.

L’opportunità di osservare un buco nero dall’altra parte della galassia potrebbe di fatto cambiare la nostra comprensione fondamentale sull’universo; potrebbe dimostrare, o insinuare dubbi sulla teoria di Albert Einstein su come funziona la gravità intorno ai buchi neri e forse anche dare vita a nuove teorie che colmano il divario tra Einstein e il mondo quantico. Einstein asseriva che l’universo è indipendente dalle osservazioni compiute dall’uomo, asserendo: “la Luna esiste lo stesso anche se non la guardo”, mentre nel mondo dell’infinitamente piccolo le cose ben diverse, l’uomo intervenendo sperimentalmente può definire la realtà e modificarla.

Ottenere l’immagine di un buco nero permetterà agli scienziati di vederne finalmente la forma, secondo la teoria della relatività, essi sono circolari, per altri studiosi, invece, la forma è più schiacciata lungo l’asse orizzontale o verticale. Di seguito il video per seguire in diretta streaming la divulgazione della foto del buco nero.